Cistite: sintomi, cause, diagnosi, cure

image_pdfimage_print

Cistite: sintomi, cause, diagnosi, cure

Focus in collaborazione con la Società italiana di urologia (Siu).
Per saperne di più, guarda anche la gallery

La cistite, o infezione non complicata delle basse vie urinarie, è una fastidiosa infiammazione (flogosi) della mucosa vescicale. È una condizione molto frequente e colpisce prevalentemente il sesso femminile: si stima che circa il 25-35% delle donne di età compresa tra i 20 e i 40 anni abbia manifestato almeno un episodio di cistite nel corso della sua vita e circa un quarto di queste svilupperà un’infezione ricorrente entro 6-12 mesi. Negli uomini adulti la sua incidenza generalmente non supera l’1-2% e tende ad aumentare dopo i 50 anni, in conseguenza di condizioni quali l’ostruzione cervico-uretrale dovute all’ipertrofia prostatica benigna. Spesso questa condizione si associa a prostatite batterica.

FATTORI DI RISCHIO
Numerosi sono i fattori di rischio che sembrano predisporre le donne all’insorgenza e alla ricorrenza degli episodi di cistite. Ecco i principali.
• Frequenti rapporti sessuali nell’ultimo mese (gli effetti meccanici della penetrazione durante un rapporto sessuale favorirebbero l’ingresso di batteri a livello vescicale).
• Uso di sistemi contraccettivi quali la crema spermicida e/o il diaframma (che generano alterazioni dell’ecosistema vaginale).
• Uso indiscriminato di antimicrobici (l’uso spropositato di alcuni antimicrobici altera la normale flora batterica vaginale costituita da lactobacilli comportando una persistente colonizzazione vaginale da parte di uropatogeni come per esempio l’Escherichia Coli).
• Madre affetta da infezione delle vie urinarie.
• Distanza fra uretra e ano: la distanza media dell’uretra dall’ano risulta più corta nelle donne con infezioni delle vie urinarie ricorrenti (4,8 mm contro i 5 mm della media).
• Fattori tipici delle donne in post menopausa quali il deficit estrogenico che altera il normale trofismo vaginale.

LE CAUSE
Tra le cause principali della cistite c’è la risalita verso la vescica di agenti patogeni di origine fecale, vaginale o uretrale. Questi agenti patogeni sono in genere batteri Gram negativi, soprattutto (in almeno il 70% dei casi, l’Escherichia Coli). Lo Staphilococcus saprophyticus è invece presente nel 5-19% dei casi, mentre altri patogeni quali lo Streptococcus faecalis o altre Enterobacteriaceae come il Proteus o la Klebsiella sono identificati solo occasionalmente.

I SINTOMI
La cistite è caratterizzata dai seguenti sintomi irritativi.

  • Pollachiuria: aumento transitorio o permanente del numero di minzioni durante le 24 ore, accompagnato dalla riduzione del volume vuotato per ogni atto minzionale.
    Disuria: difficoltà saltuaria o continua nell’urinare. La minzione può essere lenta e poco abbondante, richiede uno sforzo eccessivo, i muscoli appaiono contratti e il getto può risultare modificato nel volume o nella forma (deviato, tortuoso, ecc.) o arrestarsi improvvisamente e involontariamente.
    Stranguria: bruciore o dolore durante la minzione, talvolta accompagnato da brividi e freddo.
    Tenesmo vescicale: spasmo doloroso seguito dall’urgente bisogno di urinare.
    Urine torbide, a volte maleodoranti.
    • Talvolta è presente anche ematuria o piuria. Questi termini sono utilizzati per indicare, rispettivamente, la presenza di sangue e pus nelle urine.
    • In genere la cistite acuta e non complicata non causa febbre. Quando la temperatura sale oltre i 38 gradi con brivido e dolore lombare è possibile che l’infezione si sia propagata alle alte vie urinarie.
    La sintomatologia della cistite cronica è simile a quella della cistite acuta, ma caratterizzata da sintomi più lievi.

LA DIAGNOSI
La diagnostica di laboratorio si basa sull’esame fisico-chimico delle urine, sull’esame del sedimento urinario e sull’urinocoltura. L’esame delle urine dimostra la presenza di batteriuria (presenza di batteri nelle urine) associata a leucocituria (presenza di leucociti nelle urine) e talvolta a microematuria (tracce di sangue nelle urine). L’urinocoltura consente la dimostrazione dell’infezione con l’identificazione dell’agente infettante, la determinazione della carica batterica e l’esecuzione dell’antibiogramma. Nel sospetto di infezione delle basse vie urinarie l’urinocoltura non è indispensabile in quanto i potenziali patogeni e la loro suscettibilità agli antibiotici sono prevedibili e i tempi di esecuzione dell’esame sono più lunghi della fase acuta della malattia. L’urinocoltura, invece, è indispensabile nelle forme ricorrenti delle basse vie urinarie o in caso di sintomi che possono far sospettare pielonefrite (infezione renale). Dopo un episodio di cistite non è necessario eseguire uno studio morfologico delle vie urinarie mentre, in caso di episodi ricorrenti, uno studio ecografico dell’apparato urinario può risultare molto utile. In caso di pielonefrite l’esame ecografico potrebbe svelare la presenza di ostruzione delle vie urinarie.

LE CURE (aggiornato a maggio 2015)
Curare correttamente la cistite sin dal primo episodio può fermare il circolo vizioso delle ricadute. La prima regola è di non utilizzare mai antibiotici, se non in presenza di febbre (vedi l’articolo Cistite: nella maggior parte dei casi l’antibiotico non serve). I farmaci utilizzati nel trattamento della cistite sono chemioterapici e antimicrobici, da somministrare due volte al giorno per almeno quattro o cinque giorni o comunque fino alla scomparsa dei sintomi. Non dimenticarsi di bere molta acqua per pulire il tratto urinario. Di recente si utilizza con successo un nuovo antibatterico, il D-Mannosio, che ha la proprietà di formare un film sull’apparato urinario che impedisce ai batteri di muoversi e di risalire, attraverso la vagina, in vescica.
Attualmente molto efficace nel ridurre le recidive delle cistiti e per trattare le forme più gravi è l’utilizzo di sostanze quali l’acido ialuronico e il condroitinsolfato, sia per via endovescicale diretta con instillazioni o per via orale associati a farmaci tradizionali. Queste sostanze danno ottimi risultati nella ricostituzione della mucosa danneggiata dai processi infettivi ed infiammatori con possibilità di guarigione.
In caso di trattamento con antibiotici, i più utilizzati sono quelli appartenenti alla classe dei fluorochinolonici (levofloxacina, ciprofloxacina, norfloxacina, fleroxacina, ecc). Minore efficacia hanno il trimetropim/sulfametossazolo, gli antibiotici Beta-lattamici e la nitrofurantoina, per i quali si richiede una maggiore durata del trattamento. È fondamentale scegliere un antibiotico che associ all’efficacia terapeutica il rispetto della flora batterica vaginale, che è la difesa naturale contro l’acquisizione di un’infezione urinaria.

LA PREVENZIONE
Per evitare infezioni ricorrenti le raccomandazioni generali per prevenire le cistite includono:
• bere almeno due litri d’acqua al giorno;
• evitare di trattenere l’urina;
• evitare il consumo di cibi e bevande che possono irritare l’intestino;
• fare la pipì prima del sonno e dopo i rapporti sessuali;
• assumere mirtillo rosso:
• indossare biancheria intima in fibre naturali (cotone);
• curare eventuale stipsi e utilizzare fermenti lattici (la stipsi favorisce la contaminazione del tratto urinario);
• praticare una regolare igiene intima evitando l’utilizzo di detergenti troppo energici.

IL NOSTRO COMMENTO: Se non va via da sola – bevendo molta acqua per diluire le urine – occore prendere qualche farmaco tipo – ad esempio Monuril  o mirtillo rosso – che, nell’arco di massimo due giorni,  riescono  a debellarla. Niente di preoccupante. Sola fastidiosa!

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Cistite: nella maggior parte dei casi l’antibiotico non serve

Cistite: dalle cause alla diagnosi alle cure, ecco come affrontarla nel modo giusto

Cistite, incontinenza o vescica iperattiva? Ecco la app che fa per voi

Cistite: dai sintomi e alle cure, ecco cosa fare

print


Categories: Medicina e Psicologia

Questo Articolo è stato visualizzato da 9 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *