Nasce il governo Gentiloni

image_pdfimage_print

Nasce il governo Gentiloni: Alfano agli Esteri, Minniti agli Interni

Fonte e link: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-12-12/nasce-governo-gentiloni-alfano-esteri-minniti-interni-174223.shtml?uuid=ADUnLUCC&cmpid=nl_7+oggi_sole24ore_com

Angelino Alfanoalla Farnesina, Marco Minniti all’Interno. Molte le conferme:Pier Carlo Padoanall’Economia, Carlo Calendaallo Sviluppo economico, Giuliano Polettial Lavoro, Andrea Orlando alla Giustizia, Dario Franceschini ai Beni Culturali, Roberta Pinottialla Difesa, Graziano Delrio alle Infrastrutture e Trasporti, Beatrice Lorenzinalla Salute, Maurizio Martina all’Agricoltura, Marianna Madia alla Pa, Claudio Galletti all’Ambiente eEnrico Costaagli Affari Regionali. Via Stefania Giannini, sostituita all’Istruzione dalla vicepresidente del Senato Valeria Fedeli. Luca Lotti(attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio) al ministero dello Sport, con deleghe confermate all’editoria e al Cipe. Maria Elena Boschi lascia ad Anna Finocchiarola guida del ministero per i Rapporti con il Parlamento e si trasferisce a Palazzo Chigi come sottosegretario alla presidenza del Consiglio al posto di Claudio De Vincenti, al quale è affidato il nuovo ministero alla Coesione territoriale e al Mezzogiorno. Questa la lista dei ministri letta dal presidente del Consiglio incaricato Paolo Gentiloni, che ha sciolto la riserva al termine di oltre un’ora di colloquio con il capo dello Stato. Congelato il nodo delle deleghe dei sottosegretari alla presidenza del Consiglio. Quella ai servizi, per il momento, resterebbe in capo al premier Gentiloni.

Stasera fiducia alla Camera
Inizia alle 18.45 oggi nell’Aula della Camera la votazione di fiducia sulle dichiarazioni programmatiche del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che interverrà alla Camera alle 11 e poi andrà in Senato a consegnare il discorso.
La conferenza dei capigruppo di Montecitorio, a cui ha partecipato per la prima volta la neo ministra ai rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, ha stabilito che la discussione generale avrà inizio alle 12.30 e durerà tre ore e mezza. Alle 16 replica del premier Gentiloni e dichiarazioni di voto in diretta tv.
M5s e Lega hanno confermato che non parteciperanno al voto di fiducia.

Giuramento in tempi da record
Nonostante i tempi di preavviso non siano stati ampi, tutti i ministri sono giunti in perfetto orario al Quirinale per il giuramento, alcuni con qualche minuto d’anticipo. Nel salone delle feste si sono schierati per la cerimonia del giuramento. Abito blu per quasi tutti gli uomini, tailleur pantalone scuro per la ministra Marianna Madia, la ministra Valeria Fedeli e la sottosegretaria Maria Elena Boschi. Tailleur ma con gonna per la ministra Roberta Pinotti. Abito scuro con richiamo bianco per la neo ministra Anna Finocchiaro. Unica nota di colore la giacca corallo della ministra Beatrice Lorenzin.

Gentiloni: garantito stabilità istituzioni
«Ho fatto del mio meglio per formare il nuovo governo nel più breve tempo possibile, per aderire all’invito del presidente della Repubblica e nell’interesse della stabilità delle istituzioni alla quale guardano gli italiani» ha dichiarato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Quirinale. Lo ha detto assicurando che «il governo si metterà al lavoro immediatamente con tutte le sue forze concentrato sui problemi da risolvere nel Paese con l’ottimismo che deriva dal popolo italiano». E ribadendo che il governo «si adopererà per facilitare il lavoro delle diverse forze parlamentari volto a individuare nuove regole per la legge elettorale». Poi ha ammesso: «Non mi nascondo, ci sono difficoltà», ma «lavoreremo con forza e ottimismo».

Ecco tutti i ministri della squadra Gentiloni

«Priorità lavoro e in Ue immigrazione e crescita»
«Il Paese si è rimesso in moto negli ultimi anni ma non si possono ignorare le forme di disagio, specie del ceto medio e del Mezzogiorno, in cui il lavoro è un’emergenza più drammatica che altrove» ha aggiunto Gentiloni illustrando al Quirinale gli obiettivi del nuovo Governo. «Questa – ha spiegato il premier – sarà la vera priorità del Governo nei prossimi mesi. L’Italia è protagonista della Ue e si batte per politiche migratorie comuni e una politica economica finalmente orientata alla crescita. E questo sarà il mio impegno personale molto forte nei prossimi mesi. Così come altre scadenze internazionali».

Verdini: no fiducia senza rappresentanza
A incontro in corso tra Gentiloni e Mattarella si è sfilato Denis Verdini, il cui appoggio al nuovo governo sembrava scontato. Il motivo è la mancanza di incarichi di rilievo nel nuovo esecutivo. «Non voteremo la fiducia a un governo che ci pare al momento intenzionato a mantenere uno status quo, che più dignitosamente sarebbe stato comprensibile con un governo Renzi-bis». Così Denis Verdini e Enrico Zanetti in una nota, affermando che il governo «deve assicurare il giusto equilibrio tra rappresentanza e governabilità, senza rinunciare, in nome di pasticciate maggioranze, a quest’ultimo principio». Un problema per il governo. Perché il gruppo di 18 senatori di Ala resta per il governo Gentiloni decisivo la maggioranza al Senato.

Fiducia martedì e mercoledì
La squadra dei ministri ha prestato giuramento direttamente questa sera al Colle alle 20.30. Martedì pomeriggio il voto di fiducia di Montecitorio e mercoledì del Senato. Il governo Gentiloni è il 64/esimo governo dell’Italia repubblicana. Gentiloni ha svolto tra ieri pomeriggio e stamattina rapide consultazioni alla Camera. La mattina di lunedì alla Sala del Cavaliere di Montecitorio sono state ricevute la delegazione di Fdi; a seguire Svp; Civici e Innovatori; Conservatori e Riformisti; Ap; FI; Gal. Il giro si consultazioni è stato chiuso alle 14 dal Pd, che è stata ricevuta al termine dell’assemblea Dem.

IL NOSTRO COMMENTO: Che schifezza! Non è cambiato niente!

print


Categories: Politica, Primo piano

Questo Articolo è stato visualizzato da 102 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *