Giulietto Chiesa: “Gli USA stanno perdendo il controllo sul mondo”

image_pdfimage_print

Giulietto Chiesa: “Gli USA stanno perdendo il controllo sul mondo”

Pubblicato il 01 ago 2016

Giulietto Chiesa delinea la crisi che innerva l’attuale potere americano, attraversato da tensioni interne e spesso incapace di governare i propri vassalli, a cominciare dalla Turchia.
Dalla presentazione di Putinfobia, avvenuta a Roma il 5 maggio 2016.

Rirpesa: Marcello Michelini
Pandora TV

Classificato 28 pagine del rapporto 9/11 sono la ‘pistola fumante’ che collegano l’attacco di al-Qaeda con i migliori livelli del governo saudita, dice l’ex presidente del Senate Select Committee on Intelligence

Fonte e link: https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.dailymail.co.uk/news/article-3599596/Former-senator-claims-redacted-pages-congressional-report-9-11-smoking-gun-link-terrorist-attacks-levels-Saudi-Government.html&prev=search

• Graham è stato il co-presidente della inchiesta congiunta del Congresso su intelligence
• Ha chiesto declassificazione di 28 pagine redatte da più di un decennio
• Bush e Obama amministrazioni si sono rifiutati di unseal i documenti
• 15 dei 19 dirottatori – e Osama bin Laden – erano tutti da Arabia Saudita
• Per maggiori delle ultime su Barack Obama visitare www.dailymail.co.uk/Obama
Con Hannah Parry Per Dailymail.com
Pubblicato: 19:18 GMT, 19 maggio 2016
L’ex US Sen Bob Graham dice redatto le pagine di un rapporto del Congresso sulla 9/11 sono la ‘pistola fumante’ necessarie per collegare gli attacchi terroristici con i massimi livelli del governo saudita.
Graham, che ha co-presieduto l’inchiesta congiunta del Congresso sull’intelligenza prima e dopo gli attacchi, ha chiesto il rilascio delle 28 pagine censurate per più di un decennio.
‘Potrebbero quelle 19 persone [Settembre 11 terroristi] hanno effettuato una trama complessa come 9/11, pur mantenendo l’anonimato, in alcuni casi per più di un anno e mezzo mentre erano negli Stati Uniti senza avere qualche sostegno?’ ha detto in un’intervista con Yahoo .
‘Credo che [i giornali sono] una pistola fumante … Penso che i legami sono così molteplici e forti e rinforzando che è difficile venire via dalla lettura di tutto questo materiale e non sentire che ci fosse una rete di supporto e che rete di sostegno è venuto da Arabia Saudita ‘.
Graham ha parlato dopo Senato ha approvato una legge che permetterebbe 11 settembre le vittime ei loro parenti per citare in giudizio l’Arabia Saudita sul suo possibile ruolo negli attacchi del 2001.
Senatori ha approvato all’unanimità la giustizia contro Sponsor del Terrorism Act, che ora dirige alla Camera dei Rappresentanti, dove Speaker Paul Ryan ha espresso riserve.
Il presidente Obama si oppone anche la legge perché avrebbe essenzialmente rinunciare alla dottrina della immunità sovrana, che teme potrebbe rendere gli Stati Uniti vulnerabili ad azioni legali in tutto il mondo.
Molti sono stati lasciati infuriato presso l’amministrazione di ‘raccordo con l’Arabia Saudita’ il disegno di legge del Congresso che potrebbe incriminarlo funzionari sauditi per la peggiore mai attacco terroristico sul suolo americano.
Le famiglie delle vittime sono ora facendo una rinnovata spinta per declassificare pagine del rapporto del Congresso 838 pagine che ritengono contenere prove chiave che il governo saudita era legato agli attacchi.
Mentre si è rifiutato di chiamare le pagine redatte un cover-up, Sen Graham ha descritto il continuo decisione di tenerli classificati un ‘inganno aggressivo’.
Graham ha detto che le pagine anche aperto la porta a migliaia di altri documenti che parlano alla presunta relazione tra l’Arabia Saudita e il 19 dirottatori.
Il presidente Barack Obama (nella foto stringe la mano al re saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud, il 20 aprile) si oppone una legge che consente 9/11 vittime a causa Arabia Saudita perché sarebbe essenzialmente rinunciare alla dottrina della immunità sovrana
Ha detto che le pagine erano ancora in corso di valutazione da parte del direttore della National Intelligence James Clapper, ma l’esame dovrebbe essere completato entro la fine di questa settimana.
Avrebbero poi andare davanti a un gruppo di agenzie di sicurezza e governative come l’FBI e Dipartimento di stato per loro di fare raccomandazioni prima che fosse passato al presidente che avrebbe l’ultima parola.
Graham ha detto che è cruciale per Obama declassificare le pagine, non solo per permettere alle famiglie di 9/11 vittime a chiedere giustizia per i loro cari, ma anche per mostrare l’Arabia Saudita e altre nazioni che non vi erano conseguenze di presunto sostenere attacchi terroristici contro gli Stati Uniti.
Egli ha detto: ‘Penso che i sauditi che sanno quello che hanno fatto e hanno una buona idea che gli Stati Uniti, almeno ai livelli più alti, sa quello che hanno fatto e poi non è successo niente.
‘Hanno interpretato questo come l’impunità e hanno continuato a finanziare le organizzazioni terroristiche e di formare la prossima generazione di reclute nelle loro moschee e madrase.’
L’ex senatore è anche la speranza che il nuovo disegno di legge, che deve ancora essere approvata dalla Camera dei Rappresentanti e firmata dal presidente Obama, si ‘aprire le corti di giustizia alle famiglie e le vittime del 9/11.
‘Essa ha anche il potenziale di esporre una quantità enorme di informazioni relative al coinvolgimento dell’Arabia Saudita in 9/11.’ Ha chiamato il disegno di legge ‘una grande vittoria’.

Graham (a sinistra) ha fatto saltare i funzionari Arabia Saudita, che ha detto sono contro il disegno di legge Schumer perché sono preoccupati che i loro legami con i terroristi 9/11 sarebbero stati rivelati. Il ministro degli Esteri Adel al-Jubeir (a destra) ha detto che il suo paese avrebbe venduto fino a $ 750 miliardi di dollari in titoli del Tesoro degli Stati Uniti e le altre attività
Fino ad ora, l’amministrazione Obama ha rifiutato di rivelare i contenuti delle pagine mancanti e sembra essere lasciando la decisione al voto del Congresso.
I funzionari in Arabia Saudita come riferito ha detto che l’amministrazione Obama si vendono fuori centinaia di miliardi di dollari di asset americani se il Congresso approva una legge che permetterebbe al governo saudita di essere ritenuta responsabile per alcun ruolo negli attacchi dell’11 settembre.
L’avvertimento è stato consegnato dal ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir il mese scorso durante una visita a Washington, il New York Times ha riferito.
Il ministro ha detto che il suo paese avrebbe venduto fino a $ 750 miliardi di titoli del Tesoro degli Stati Uniti e le altre attività prima che il disegno di legge li mette in pericolo.
Il disegno di legge dovrebbe togliere l’immunità da governi stranieri nei casi ‘derivante da un attacco terroristico che uccide un americano sul suolo americano’.
Candidato presidenziale democratico Hillary Clinton ha sostenuto la normativa, dicendo: ‘Ovviamente, abbiamo avuto modo di rendere chiunque che partecipa o sostiene il terrorismo pagare un prezzo.
‘Dobbiamo anche essere consapevoli delle conseguenze che potrebbero influenzare gli americani, sia militare o civile o la nostra nazione’, ha detto il ABC questa settimana .
Parlando al New York Times , Mindy Kleinberg, il cui marito è morto nel World Trade Center l’11 settembre, ha detto: ‘E’ sorprendente pensare che il nostro governo avrebbe eseguire i sauditi sui propri cittadini. ‘
La signora Kleinberg è parte di un gruppo di familiari delle vittime che spingono per la legislazione contro il paese del Medio Oriente, ma finora tutti i tentativi di citare in giudizio il Regno dell’Arabia Saudita hanno fallito.
Il gruppo dice che l’amministrazione Obama ha ‘sempre schierato con il regno’, e quindi ostacolato i loro sforzi per imparare ‘la verità sul ruolo di alcuni funzionari sauditi hanno giocato nel complotto terroristico.’
I funzionari in Arabia Saudita hanno detto che l’amministrazione Obama si vendono fuori centinaia di miliardi di dollari di asset americani se il Congresso approva una legge che permette al governo saudita di essere ritenuto responsabile per 9/11
Lo scorso settembre, l’ultima causa promossa da famiglie delle vittime degli attacchi di 9/11, è stato buttato fuori. Un tentativo precedente nel 2013 non è riuscito anche a fare alcun passo avanti.
Un giudice degli Stati Uniti ha dichiarato non vi erano prove sufficienti che collega il paese del Golfo agli attacchi del 2001, che ha ucciso circa 3.000 persone.
Tra le prove respinto stati reclami da parte di un uomo in custodia che un principe saudita ha contribuito a finanziare la trama.
Dei 19 uomini dietro gli attacchi, 15 erano cittadini di Arabia Saudita.
Jim Kreindler e Sean Carter, gli avvocati che rappresentano le famiglie stanno lottando per avere 28 pagine di un 838 pagine del rapporto del Congresso sugli attacchi, declassificati come parte della causa contro il governo dell’Arabia Saudita.
Kreindler ha detto che la Casa Bianca potrebbe fare molto di più per garantire la trasparenza.
‘L’amministrazione vede la tuta 9/11 famiglie come un ostacolo al rapporto USA-Arabia’, ha detto NBC News.
Parlando della prossima visita del del Presidente per la regione questa settimana e l’incontro con il re Salman, il signor Carter ritiene che l’argomento dovrebbe essere discusso.
‘Credo che dovrebbe aumentare non solo le 28 pagine, ma le controversie irrisolte tra 9/11 famiglie e sauditi in generale.’

Funzionari sauditi hanno minacciato di vendere centinaia di miliardi di dollari di asset americani se il Congresso approva una legge che permetterebbe al governo saudita di essere ritenuta responsabile per alcun ruolo negli attacchi.
L’avvertimento è stato consegnato dal ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir il mese scorso durante una visita a Washington.
Il ministro ha detto che il suo paese avrebbe venduto fino a $ 750 miliardi di titoli del Tesoro degli Stati Uniti e le altre attività prima che il disegno di legge li mette in pericolo.
L’amministrazione ha cercato di fermare il Congresso di passare la legislazione, un disegno di legge del Senato bipartisan.
Al-Juberi presumibilmente informato i legislatori durante un viaggio a Washington che l’Arabia Saudita sarebbe stato costretto a vendere un pezzo enorme di attività finanziarie americane sul mercato mondiale, temendo la normativa potrebbe diventare tribunali e Stati Uniti avrebbero quindi congelare i beni.

Al-Juberi informato i legislatori durante un viaggio a Washington che l’Arabia Saudita sarebbe stato costretto a vendere un pezzo enorme di attività finanziarie americane sul mercato mondiale
Il Times ha detto volontà di Riyadh per fornire effettivamente sulla minaccia è discutibile, dal momento che la vendita fuori quei beni sarebbe tecnicamente difficile e avrebbe danneggiato il dollaro, contro la quale è ancorata la moneta nazionale saudita.
Secondo la legge attuale degli Stati Uniti, le nazioni straniere hanno un grado di immunità da essere citato in giudizio in tribunali americani.
Il sovrano straniero immunità Act del 1976 è uno dei motivi per cui le famiglie dell’11 settembre 2001 gli attacchi terroristici in gran parte non sono riusciti a portare in tribunale la famiglia reale saudita e beneficenza su sospetto di sostenere finanziariamente gli attacchi.
Quindici dei 19 uomini che hanno dirottato quattro aerei e li volato in obiettivi a New York e Washington nel 2001 erano cittadini sauditi, anche se Riyadh ha sempre negato di avere alcun ruolo negli attacchi.
Una commissione degli Stati Uniti istituito a seguito degli attacchi inoltre concluso non vi era alcuna evidenza di connivenza ufficiale saudita. Tuttavia, la Casa Bianca è stato sotto pressione per declassare una sezione di 28 pagine del rapporto che non fu mai pubblicato per motivi di sicurezza nazionale.
Il presidente Obama deciderà se declassificare i documenti sigillati entro giugno.
Le cosiddette pagine sono attualmente rinchiusi in un locale interrato custodito Campidoglio e anche se possono essere letti da membri del Congresso, le pagine che si dicono per esporre il collegamento dell’Arabia Saudita agli attacchi, restano classificati.
Si ritiene le pagine 28 potrebbero far luce sul denaro e le connessioni utilizzati per finanziare gli attacchi e si dice per includere le informazioni ‘suggerendo specifiche fonti di sostegno straniero per alcuni dei dell’11 settembre dirottatori mentre erano negli Stati Uniti,’ in base alle l’introduzione del capitolo nel rapporto.
L’ex Florida il senatore Bob Graham ha detto che la Casa Bianca ha chiarito a lui che una decisione sulle file segreti sarebbe fatto nei prossimi due mesi.
Graham ha detto Fox News è stato ‘contento che dopo due anni questa materia è in procinto di prendere una decisione da parte del presidente’.
L’ex senatore ha da tempo una campagna per i documenti da declassificati, ma entrambe le amministrazioni Bush e Obama hanno sostenuto questo modo è stato un rischio per la sicurezza nazionale.
Outrage: Mindy Kleinberg, il cui marito Alan è stato ucciso negli attacchi al World Trade Center quasi 15 anni fa, dice che è ‘stordito che il nostro governo avrebbe appoggiato i sauditi sui propri cittadini’
Graham e altri critici ritengono che i file espongono coinvolgimento dell’Arabia Saudita negli attacchi – qualcosa che il governo degli Stati Uniti ha presumibilmente cercato di tacere.
I tempi del rilascio potrebbe essere altamente significativo, con il presidente di dirigersi verso l’Arabia Saudita per incontrare i leader della regione la prossima settimana.
Senatore di New York Kirsten Gillibrand ha chiesto i documenti per essere rilasciato prima del vertice che così Obama potrebbe discutere le conseguenze con il governo saudita.
‘Se il presidente sta andando a incontrare la leadership saudita e la famiglia reale, pensano che sarebbe opportuno che il presente documento sia rilasciato prima il presidente fa quel viaggio, in modo che possano parlare di tutto ciò che i problemi sono in quel documento,’ Gillibrand detto.
Ha detto a CBS ’60 Minutes che era sicuro di come i sauditi avrebbero reagito al rilascio, ma ha detto che i membri della famiglia di 9/11 vittime meritavano di sapere che cosa hanno detto i documenti.
Il presidente Obama arriverà a Riyadh il Mercoledì per incontri con il re Salman e altri funzionari sauditi.
Ci sono stati a lungo domande sul coinvolgimento dell’Arabia Saudita negli attacchi, che ha lasciato 2.977 persone innocenti morti dopo quattro aerei di linea sono stati dirottati e si schiantò contro entrambe le torri del World Trade Center di New York, il Pentagono e un campo in Shanksville, in Pennsylvania.
Il senatore Kirsten Gillibrand ha chiesto le pagine da 28 a essere declassificati
A parte i dirottatori, di Al-Qaeda mastermind Osama bin Laden, ucciso in un raid Usa sul suo covo ad Abbottabad, in Pakistan, nel maggio 2011, era anche di origine saudita.
Era il figlio di un miliardario saudita con stretti legami con la famiglia reale del regno.
‘I sauditi sanno quello che hanno fatto. Sappiamo quello che hanno fatto ‘, ha detto Graham 60 minuti.
‘Ci sono un sacco di rocce là fuori che sono stati volutamente pressarlo verso il basso, che se stavano girate, ci darebbe una visione più ampia del ruolo saudita.’
Graham ha aggiunto che crede che i terroristi sono stati ‘sostanzialmente’ aiutato dai sauditi di governo arabi, finanzieri e di beneficenza.
Casa leader della minoranza Nancy Pelosi chiamato anche per le pagine da 28 a essere declassificati, dicendo che il rifiuto di farlo è stato ‘un errore’, come ha aggiunto ai democratici palificazione pressione su Obama.
‘Ho sempre sostenuto per fornire la massima trasparenza possibile per il popolo americano in linea con proteggere la nostra sicurezza nazionale’, ha detto.
Stampa della Casa Bianca Josh Earnest ha detto che non sapeva se Obama aveva guardato i documenti se stesso sigillati.
Ha confermato i file sono stati in corso di revisione, ma ha detto che la relazione della Commissione 9/11 hanno trovato alcuna prova di al-Qaeda di essere finanziato da funzionari sauditi.
Leggi di più:
• Obama a decidere sulla declassificazione 9/11 documenti entro 60 giorni | Fox News
• Pressione si basa sulla gestione di Obama di declassificare 9/11 rapporto – CBS News
• www.nytimes.com / …
• Segreti 28 pagine di 9/11 Relazione Sotto Nuova controllo – NBC News
• ‘This Week’ Trascrizione: Hillary Clinton, Bernie Sanders, Paul Manafort, e Ken Cuccinelli – ABC News
• www.nydailynews ….
• Il New York Times – Breaking News, World News & Multimedia

IL NOSTRO COMMENTO: Gli attentati dell’11 settembre 2001 sono stati una serie di quattro attacchi suicidi che causarono la morte di circa 3. 000 persone, organizzati e realizzati da un gruppo di terroristi aderenti ad al-Qaida contro obiettivi civili e militari nel territorio degli USA. All’epoca il Presidente degli USA era George W Bush. A distanza di 15 anni ancora vengono fuori documenti per accertare la verità dei fatti.

Guarda anche:

https://spacepress.info/?s=torri+gemelle&x=0&y=0

Osama Bin Laden: lo Sceicco del terrore

print


Categories: Inchieste e Report, Politica, Primo piano

Questo Articolo è stato visualizzato da 212 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *