Tsipras ricattato dopo il Referendum:”Faremo soffrire il tuo popolo”

image_pdfimage_print

Tsipras ricattato dopo il referendum: “Faremo soffrire il tuo popolo” #YanisFuoriINomi

TsiprasRicattato-FaremoSoffrireIGreci

Pubblicato 16 settembre 2015 – 20.52 – Da Claudio Messora

Fonte e link: http://www.byoblu.com/post/2015/09/16/tsipras-ricattato-dopo-il-referendum-faremo-soffrire-il-tuo-popolo-yanisfuoriinomi.aspx#more-36418

Cosa è successo dopo il referendum in Grecia? Perché, nonostante la vittoria schiacciante dei no con la quale il popolo greco ha rifiutato le proposte della troika, Varoufakis si è dimesso e Tsipras ha inspiegabilmente accettato condizioni ancora peggiori rispetto a quelle iniziali?

A dirlo, senza mezzi termini, è lo stesso Varoufakis, in una intervista al Corriere: «Tsipras venne minacciato di un’espulsione così violenta che la parte debole della popolazione avrebbe sofferto in modo indicibile. Quindi capisco come e perché Tsipras è arrivato a scegliere il Memorandum. Ma non sono d’accordo».

Dunque ecco i termini del ricatto che fu imposto al premier greco: se non firmi con la Troika, infliggeremo al tuo popolo sofferenze così grandi che le sette piaghe d’Egitto al confronto saranno state un pomeriggio in un centro benessere.

Adesso, però, caro Varoufakis, devi dire anche chi è stato a minacciare in una maniera così feroce e spietata un intero popolo, perché se così fosse, questi signori sarebbero da processare all’istante. E’ stato Schäuble? E’ stato Draghi? Dijsselbloem? La Merkel? Sono stati i rappresentanti della finanza speculativa? O forse quelli del Fondo Salva Stati? O tutti insieme? #YanisFuoriINomi

IL NOSTRO COMMENTO: Certo che Varoufakis e Tsipras devono dire i nomi di chi si è permesso di fare simili minacce ad un intero popolo. Diversamente opinando potrebbe anche sembrare una invenzione di Tsipras per dare una giustificazione alla “minchiata” (direi meglio “tradimento” ) che ha fatto al popolo greco. A maggior ragione ora deve parlare SE SA! Così tutti possono sapere con chi si ha da fare e prendere immediate contromisure a patto però che ci siano PROVE e NON SOLO MERE AFFERMAZIONI prive di significato. Non è la prima volta che in verità si sente parlare di queste minacce ma non sono mai venuti fuori i nomi degli autori.  Allora! Quando si fanno delle affermazioni che possono intaccare la rispettabilità ed onorabilità delle persone è bene fornire le PROVE al riguardo altrimenti è meglio non farle. Producono solo un effetto negativo in chi le afferma e probabili denunzie.  Come appunto nel caso di specie! Varoufakis e Tispras se sanno che facciano i nomi. Altrimenti che con  non “rompano i coglioni con affermazioni inutili” ANZI, CONTROPRODUCENTI!….

print


Categories: Europa

Questo Articolo è stato visualizzato da 548 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *