- Libere riflessioni - http://www.libereriflessioni.it -

Blocco Pensioni: nuovi ricorsi

Blocco Pensioni: nuovi ricorsi

Ancora bloccata la perequazione delle pensioni superiori a 6 volte il minimo INPS: la Cida annuncia ricorsi contro il Decreto Pensioni.

Fonte e link: http://www.pmi.it/economia/lavoro/news/101826/blocco-pensioni-ricorsi.html?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+PMI.it&utm_content=02-09-2015+blocco-pensioni-nuovi-ricorsi

Il rimborso della mancata indicizzazione delle pensioni non ha riguardato gli assegni pari a sei volte il minimo, per questo la Cida, associazione che rappresenta i dirigenti, ha intrapreso una battaglia contro il decreto legge 65/2015 (c.d. Decreto Pensioni).

=> Arretrati pensioni: via al rimborso da Agosto

Dopo la bocciatura della Corte Costituzionale (sentenza n. 70/2015) al blocco dell’indicizzazione delle pensioni operata per gli anni 2012 e 2013 ai trattamenti superiori a tre volte il minimo per effetto del decreto Salva Italia (Dl 201/2011), con il Decreto Pensioni il Governo ha disposto il riconoscimento della rivalutazione, riconosciuta ai trattamenti compresi fra tre e sei volte il minimo, con un sistema a scaglioni. Per le pensioni più alte di sei volte il minimo INPS non è stato previsto alcun rimborso.

=> Rivalutazione Pensioni 2015: guida completa

La Cida ha quindi confermato la riassunzione della causa “Cardinale/INPS” presso il Giudice del Lavoro del Tribunale di Palermo che aveva sollevato il fumus boni iuris realtivamente alla richiesta presentata dall’associazione di incostituzionalità, attivata dallo Studio Orrick per evitare la decadenza dei termini, con udienza già fissata per il 28 ottobre prossimo con la quale verrà valutato il possibile rinvio alla Corte Costituzionale.

=> Sentenza Pensioni: pioggia di ricorsi in tutta Italia

In una nota della Cida si apprende che:

“Potrebbe addirittura essere anticipato dal Tribunale di Avellino presso cui pende uno dei nostri precedenti ricorsi che verrà discusso il 5 ottobre prossimo. Si è deciso, inoltre, di avviare altre cause pilota presso i Tribunali di Milano, Rieti e Roma nonché, se confermata la competenza, alla Corti dei Conti di Emilia Romagna, Lazio, Liguria e Umbria per i pensionati pubblici, ciò al fine di aumentare le possibilità di un accoglimento delle nostre richieste”. Fonte: Cida

IL NOSTRO COMMENTO: Caro Renzi! Non hai voluto pagare prima la perequazione delle pensioni alla dirigenza  vuol dire che dopo pagherai  con le maggiorazioni di legge. Per le pensioni più alte di sei volte il minimo INPS non hai previsto alcun rimborso, nonostante la chiara sentenza della Corte Costituzionale. Ci hai costretto ad intraprendere azioni legali – il cui esito dovrebbe essere scontato – che ti costeranno care. Stai attento!  Si profila l’ombra del danno erariale. Se non rimedi subito son “augelli senza zucchero” In dialetto “cazzi amari”

print