Pedofilia, in Vaticano processo all’ex nunzio Wesolowski. Che si sente male: udienza rinviata

image_pdfimage_print

Pedofilia, in Vaticano processo all’ex nunzio Wesolowski. Che si sente male: udienza rinviata

pedo

Fonte e link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/11/pedofilia-in-vaticano-processo-allex-nunzio-wesolowski-che-si-sente-male-udienza-rinviata/1864856/

Primo procedimento giudiziario nella Santa Sede con la nuova legge voluta da Papa Francesco, che ha introdotto il reato di pedopornografia. L’imputato era assente per un improvviso malore ed è stato ricoverato in terapia intensiva in ospedale

di Francesco Antonio Grana | 11 luglio 2015

In Vaticano è iniziato il primo processo penale per pedofilia e pedopornografia. Mentre il Papa è in viaggio in America latina, si è tenuta nel Tribunale della Santa Sede la prima udienza del procedimento giudiziario contro l’ex nunzio nella Repubblica Dominicana Jozef Wesolowski. L’imputato era assente per un improvviso malore ed è stato ricoverato in terapia intensiva in una struttura ospedaliera pubblica di Roma. Cinque i capi di accusa contro di lui: detenzione di materiale pedopornografico; pedofilia in concorso con il suo assistente ed amante, l’ex diacono Francisco Occi Reyes; ricettazione di materiale pedopornografico; lesioni gravi alle sue vittime adolescenti; condotta che offende la religione e la morale cristiana per aver visitato siti pornografici. La prima udienza è durata sei minuti e il processo è stato rinviato senza una data precisa “dovendosi attendere la cessazione della causa che ha dato luogo al rinvio”.

Quello all’ex nunzio apostolico, già ridotto allo stato laicale nel processo canonico della Congregazione per la dottrina della fede, è il primo procedimento penale che si svolge sotto il pontificato di Bergoglio. L’ultimo era stato quello all’ex maggiordomo di Benedetto XVI, Paolo Gabriele, condannato a un anno e sei mesi per furto aggravato e poi graziato da Ratzinger poche settimane prima delle dimissioni. Ma quello che vede alla sbarra Wesolowski è anche il primo processo vaticano che si celebra con la nuova legge penale voluta da Francesco nel 2013 che ha introdotto, tra gli altri, il reato di pedopornografia. Numerose sono state le testimonianze delle vittime dell’ex diplomatico.

IL NOSTRO COMMENTO: Però l’ex nunzio Wesolowski  quando molestava i bambini non accusava ‘improvvisi malori’ ! All’epoca aveva solo ‘bollori’. Vergogna e schifo!  La Chiesa cattolica con questi preti pedofili è diventata un vero e proprio gabinetto. Viene il vomito anche celebrare i processi e fare pulizia. Perché la Chiesa non applica per questi esseri indegni e schifosi il precetto contenuto nel Vangelo di S. Marco (9,42) «Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare». Questa sarebbe la giusta punizione. Forse la Chiesa cattolica ha dimenticato il Vangelo di Cristo!

print


Categories: Religione

Questo Articolo è stato visualizzato da 413 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *