Grecia : netta vittoria del NO, 61,3% Tsipras esulta!

image_pdfimage_print

Referendum in Grecia: netta vittoria dei NO, 61,3%

index

Referendum Grecia: netta vittoria del no, 61,3%. Tsipras esulta. Ue in stato d’allerta. Governo: ‘Non emetteremo moneta parallela’

Syryza festeggia in piazza l’esito del voto. Vertice Varoufakis-Banca di Grecia

 

Fonte e link: http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/07/05/grecia-referendum-seggi-aperti-per-98-milioni-di-greci_c1b4876a-8883-408b-91dd-61d069ad5fed.html

La Grecia dice ‘no’, e “rifiuta i ricatti” ma il governo assicura che non emetterà moneta parallela. Ai referendum in Grecia il No trionfa col 61,3%. E i mercati tremano.

“Abbiamo dimostrato che la democrazia non può essere ricattata”: lo ha detto Alexis Tsipras parlando in tv, in un messaggio alla nazione. “Il No – ha sottolineato – non è una rottura con l’Unione Europea. I greci hanno fatto una scelta coraggiosa, che cambierà il dibattito in Europa”. Per il primo ministro “la Grecia da domani vuole sedersi di nuovo al tavolo delle trattative: vogliamo continuarle con un programma reale di riforme ma con giustizia sociale” e dobbiamo “riarticolare” la questione del debito, non solo per la Grecia ma anche per l’Europa. Domani – ha proseguito – la Grecia andrà al tavolo negoziale con l’obiettivo di riportare alla normalità il sistema delle banche”.

Il commento del ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis è stato : “I greci hanno detto un coraggioso ‘No’ a cinque anni di ipocrisia e all’austerità. Il ‘No’ di oggi è un grande sì alla democrazia”. “Da domani l’Europa inizia a guarire le sue ferite, le nostre ferite, ha aggiunto Varoufakis, ricordando che “per cinque mesi i creditori hanno rifiutato ogni trattativa” .

Urlo di gioia alla sede di Syriza già dopo che le tv greche hanno renso noti i primi sondaggi sul voto al referendum chiesto dal premier Alexis Tsipras per consultare il popolo ellenico sulle proposte dei creditori di Atene in cambio di ulteriori finanziamenti per il salvataggio del Paese. In poco tempo la folla ha riempito piazza Syntagma.

 

In merito al futuro della moneta in territorio ellenico, non tutti la pensano come il governo greco. Per Jp Morgan l’uscita della Grecia dall’euro è adesso lo scenario base. Lo riporta Bloomberg. La banca Usa vede un’alta probabilità di uscita della Grecia dall’euro. Una Grexit, aggiunge, sarebbe “caotica”. Alla riapertura del mercato valutario in Australia, l’euro avvia le contrattazioni in ribasso dell’1% a 1,1007 sul dollaro.

La Grecia – ha fatto sapere il portavoce del governo di Atene – “farà tutti gli sforzi possibili per arrivare presto ad un accordo” con i creditori, “anche nelle prossime 48 ore”. Domani mattina, alle 9,30, il premier Matteo Renzi ha convocato, a quanto si apprende, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a Palazzo Chigi per analizzare gli effetti del referendum greco. Antonis Samaras, che aveva fatto campagna per il Sì, si è invece dimesso da leader dell’opposizione greca di Nuova Democrazia dopo i risultati.

 

Secondo alcune indiscrezioni la Cancelliera Angela Merkel si sarebbe sfogata accusando di portare la Grecia “contro un muro”. Intanto sia dal premier Matteo Renzi che dalla Francia arriva la richiesta all’Ue di non chiudere la porta alla Grecia, qualunque sia l’esito del voto di oggi. Nelle prossime ore potrebbe tenersi una riunione tra il ministro delle Finanze Varoufakis e la Banca di Grecia che sarebbe pronta a presentare una richiesta di aumento di liquidità di emergenza attraverso il programma Ela alla Bce. La Merkel domani volerà a Parigi da Hollande.

AFFLUENZA ALTA – Secondo la tv greca Ant1 l’affluenza al referendum è stata attorno al 65%. Il quorum necessario per la validità della consultazione, del 40%, è stato ampiamente superato.

Lo sfogo della Merkel – La politica di Alexis Tsirpas è “dura e ideologica”, e il premier greco “lascia andare il paese ad occhi aperti contro un muro”. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel, sfogandosi nei giorni scorsi con alcuni colleghi di partito, secondo quanto scrive Spiegel on line. Il settimanale sottolinea che “più fonti” hanno confermato la frase.

Il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha parlato di “scenari inediti, ora serve responsabilità da parte di tutti”.

Aldilà dell’esito del referendum, per Renzi “si dovrà tornare a parlare e la prima a saperlo è proprio Angela Merkel”. Così il premier Renzi, in un’intervista al Messaggero. Dopo “la discussione greca, ci occuperemo di crescita e investimenti” in Europa. Intanto, ad Atene in concomitanza con il referendum, è volato anche Beppe Grillo

SEGUI IL LIVE BLOG

LE FOTO DELLE VOTAZION AL REFERENDUM

Per Parigi bisogna riprendere i negoziati. Il ministro dell’Economia francese, Emmanuel Macron, invita i governi europei a non punire la Grecia come avvenne con la Germania dopo la Prima guerra mondiale. “Qualsiasi sia l’esito del voto dobbiamo riprendere i negoziati politici. Non rimettiamo in scena il Trattato di Versailles”, ha detto Macron, secondo quanto riporta Bloomberg. Per Macron “sarebbe un errore storico schiacciare il popolo greco”, analogamente a quello che venne fatto con la Germania con il Trattato di Versailles. L’Europa e la Grecia, ha detto il ministro, devono trovare un compromesso sulle riforme e sul debito, qualsiasi sia l’esito del referendum. “Dobbiamo essere all’altezza” di quanto sta avvenendo.

IL NOSTRO COMMENTO: Il Popolo greco si è pronunziato col Referendum. Netta vittoria del NO, 61,3%. Il Governo assicura che non emetterà moneta parallela. All’epoca, purtroppo, in Italia non c’è stato alcun referendum ne la possibilità di andare a nuove elezioni. Ci siamo dovuti beccare le scelte di Napolitano Giorgio che ha nominato Monti Mario, amico dei banchieri, appartenente al Club Bilderberg e facente parte della Trilaterale, Capo del Governo, che assieme alla Fornero (con gli esodati!) hanno ridotto l’Italia in uno stato pietoso. Ci auguriamo che il Governo greco non faccia fare al Presidente della Grecia, Prokopis Pavlopoulos, quello che è avvenuto in Italia. Ancora auguri a Tsipras ed al Popolo Greco che si è pronunziato nella direzione giusta. Formuliamo l’augurio che i banchieri dell’Eurozona e la Merkel si rendano presto conto che hanno finito di imporre i loro dictat agli Stati SOVRANI!  EVVIVA IL POPOLO GRECO CHE HA DETTO NO AI BANCHIERI!

print


Categories: Europa

Questo Articolo è stato visualizzato da 472 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *