ZIBORDI: COME SI ESCE DALL’EURO SENZA FARSI FREGARE!

image_pdfimage_print

ZIBORDI: COME SI ESCE DALL’EURO SENZA FARSI FREGARE!

eurogreen-

Fonte e Link:Byoblu
Pubblicato il 03 lug 2015
Giovanni Zibordi, analista di Cobraf, spiega come uscire dall’Euro in maniera indolore, realizzando una moneta complementare.
ISCRIVITI AL CANALE: https://www.youtube.com/subscription_…
APPROFONDISCI SUL BLOG: http://www.byoblu.com/post/2015/07/03…

________________________________________¬___________
Ti è stato utile questo video? Aiutami a farne altri:
http://www.byoblu.com/sostienimi
Anche una piccola donazione fa la differenza
________________________________________¬___________

GUARDA ANCHE
________________________________________¬___________
– L’intervista a Marco Cattaeno sui certificati di credito fiscale, a cui Zibordi nel video odierno si riferisce: https://www.youtube.com/watch?v=iQUrA…
– L’intervista a Claudio Borghi sulla situazione e le prospettive del referendum in Grecia: https://www.youtube.com/watch?v=5s7h3…
– L’intervista a Alberto Bagnai sulla situazione e le prospettive del referendum in Grecia: https://www.youtube.com/watch?v=HhLBn…

.

IL NOSTRO COMMENTO: Non so fino a che punto l’Europa dei banchieri accetti questo sistema proposto da Zibordi  di uscire gradatamente dall’Euro riducendo pian piano  le tasse con dei titoli di Stato fermo restando anche l’Euro per un certo tempo.  In ogni caso, a ben riflettere, appare essere questo il miglior sistema per uscire, nell’arco di quattro o cinque anni, dall’Euro come propone Giovanni Zibordi atteso che i cittadini quando vengono consultati per cambiar subito moneta non intendono.  Il difficile è far capire al popolo ed ai Governanti quanto sia utile e conducente procedere per questa via. Bisogna avere fiducia!  Facciamo girare questo video di Byoblu a 360° con l’augurio di essere sempre di più quelli che vogliono uscire da questa Europa dei “banchieri” e sempre meno i “lecchini”

print


Categories: Europa

Questo Articolo è stato visualizzato da 480 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *