Un altro Polo?

image_pdfimage_print

IL POLO DELLA NAZIONE

Di Fernando Cannizzaro 16-12-2010

ffinieccCarneade! Chi è costui? Ruminava tra se Don Abbondio…. Nell’etere (Internet) circola insistente questa voce: il Polo della Nazione. Cerchiamo di renderci conto di cosa sia. Pare che dei parlamentari di Fli, dell’Udc di Pier Ferdinando Casini, dell’Alleanza per l’Italia di Francesco Rutelli, del Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo, dei Liberaldemocratici vogliano unirsi e costituire un “gruppo unico parlamentare”, un partito di partiti in progress….cioè con possibilità di accogliere altri. Da stime fatte sembra che dispongano di un centinaio (102) tra deputati e senatori. In pratica vorrebbero costituire una valida alternativa al PDL se non addirittura fargli le scarpe. Certo hanno digerito male la sconfitta della sfiducia al Cavaliere (Per soli tre voti! Ahime!) e cercano ora di prendere in mano la situazione. Mi è stato chiesto di fare qualche previsione. E’ impossibile! Ancora è troppo presto. Potrebbe essere un “gran minchiata!” Il presidente del Consiglio definisce «inesistente» il ‘terzo Polo’ e già prevede che Fini «sparirà». Per Silvio Berlusconi, dunque, questa sortita non dovrebbe avere «grandi prospettive». E forse non si sbaglia il Cavaliere!  Francamente  Noi non siamo tanto inclini a giudicare  positivamente tutta questa operazione politica  anche se per la verità ancora è troppo presto. In ogni caso qualche considerazione si impone. Quello che non ci convince sono i soggetti politici che si intende unire e farli convivere sotto lo stesso tetto. Di Casini  avevamo già parlato in tanti Ns articoli. Lo consideriamo un politico inaffidabile dal momento che barcolla ora a dx ora a sx. Rutelli non ci ha mai convinto. Uno che scappa dal PD per creare un gruppo a se stante si commenta da se. L’MPA fa giunte strane e non è credibile. Rimane Fini.

Fini, a nostro avviso, ha fatto una serie di errori:

1)  aver acconsentito, dietro richiesta del Capo dello Stato e del Presidente del Senato ad aspettare un mese  per la presentazione della mozione di sfiducia, anzi per il voto sulla mozione di sfiducia dopo l’approvazione della Legge Finanziaria, dando così a Berlusconi il tempo per abbordare i parlamentari che gli mancavano. Questo è stato un errore imperdonabile. Eppure Fini lo conosceva bene a Berlusconi.

Gli altri errori:

2) non aver sufficientemente indicato ai suoi sostenitori la strada che intendeva percorrere nell’ipotesi che la mozione di sfiducia andasse a buon fine. Parlava di Berlusconi-bis. Parlava di alleanze con Casini. Voleva che Berlusconi si dimettesse. Tutte ipotesi, a Ns avviso, poco percorribili e per niente condivisibili. Che senso aveva un Berlusconi-bis allargato a Casini? Poteva sembrare che si andasse a caccia di poltrone (anche se questo, per la verità, non era l’intento!). Era chiaro che Berlusconi non avrebbe mai accettato di dimettersi e creare un Berlusconi-bis . Tutto questo ha generato in  molti deputati (anche del FLI )  vicini a Fini un grande sbandamento ed una gran confusione. Nella prospettiva di fare un salto nel buio hanno dato, invece, la fiducia al Cavaliere che li ha saputi convincere a modo Suo; 3) aver sottovalutato il Cavaliere che in queste operazioni è un “Gran Maestro”

Fini, francamente, come abbiamo già scritto in altri Ns articoli, ci ha un po’ deluso. Ci ha deluso con la Sua lunga altalena prima di venirne fuori da PDL. Ci ha deluso anche per come ha gestito la vicenda di Montecarlo. Ci ha deluso perché ha continuato ad appoggiare il Cavaliere nonostante fosse stato cacciato dal Partito in malo modo. Ci ha deluso, soprattutto, perché ha votato il Lodo Alfano reiterabile che è una mostruosità giuridica. Gli rimproveriamo, infine, di aver perso, all’epoca della fusione, il vecchio simbolo di AN, al contrario, di Bossi che, invece, l’ha mantenuto.

Certamente tra Fini e Berlusconi non c’è minimamente da fare paragoni. Fini è un altro livello di persona che Noi abbiamo sempre ritenuto capace, onesto ed intelligente.

Questa avventura del POLO DELLA NAZIONE in verità Noi non la vediamo di buon occhio. Troppi politici! Troppe teste calde! Troppe aperture! Auguri Presidente Fini! Che Iddio gliela mandi buona!

print


Categories: Esclusivi, Primo piano

Questo Articolo è stato visualizzato da 327 Utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *